Che cos'è la Psicologia Analitica?

La psicologia analitica si dedica alla psicoterapia seguendo la tradizione di CG Jung. Si distingue per un focus sul ruolo delle esperienze simboliche della vita umana, con un approccio prospettico ai temi presentati nella terapia. Ciò significa che, mentre la propria storia di vita è di grande importanza per comprendere le proprie circostanze attuali, le circostanze attuali contengono anche i semi per la futura crescita e  sviluppo. L'obiettivo dell'analisi junghiana è quello che Jung chiama individuazione. Individuazione si riferisce alla realizzazione di un maggior grado di consapevolezza per quanto riguarda la totalità delle esperienze psicologiche, interpersonali e culturali della persona. Jung ha individuato due livelli di profondità di funzionamento psicologico che tendono a formare, colorare e talvolta a compromettere l'esperienza di vita della persona. Insieme con Freud, Jung ha riconosciuto l'importanza delle prime esperienze di vita, ed i complessi personali derivanti da disturbi nella vita della persona che sono tutti presenti nell'inconscio personale. Particolare intuizione di Jung, tuttavia, è stato il suo riconoscimento che gli individui sono influenzati anche da fattori inconsci che si trovano al di fuori della loro esperienza personale, e che hanno una qualità più universale. Questi fattori, che chiamò archetipi, compongono l'inconscio collettivo, e danno voce alle narrazioni più universali, miti e fenomeni religiosi che a loro volta danno forma al più ampio contesto dell'esperienza umana. Il processo analitico è destinato a portare questi fattori, sia personali che collettivi, nella coscienza, il che permette all'individuo di vedere più chiaramente quali tendenze sono in gioco nella sua vita. Questo è il processo di individuazione, che ha il più ampio obiettivo di fornire l'individuo con le risorse per modellare la sua vita per il futuro. Implicito nella comprensione di Jung degli archetipi in particolare, è il senso di un obiettivo verso il quale la vita può essere diretta. Il ruolo dell'analista è quello di contribuire a facilitare il processo di individuazione, fornendo un ambiente interpretativo informato per comprendere le esperienze di vita dell’individuo. (dal sito IAAP, mia traduzione)

© LSC 2015 - Cell. 346-6675199 - psicologo, psicoterapeuta e psicoanalista con studio a Lodi e a Milano - Partita IVA 13081590153